gabriele di matteo_charlotte-gainsbourg_403

Di mamma in figlia lo spot paga sempre.

 

Charlotte Gainsbourg

La strategia elaborata dal marchio francese Comptoir des Cotonniers resta coerente nel tempo. L’idea è quella di affidare la comunicazione e l’immagine della linea di abbigliamento a madre e figlia, contemporaneamente. E dopo l’affascinante arredatrice Sarah Lavoine e sua figlia Yasmine, adesso tocca ad una nuova icona trasgressiva dello spettacolo made in France: Charlotte Gainsbourg con la figlia Alice. La campagna nasce all’interno dell’azienda con il team che segue la creatività e la linea promossa dall’attrice figlia d’arte è stata creata dalla stilista Anne-Valerié Hash.

Nicole Ziegler

Nel video di SIA, una delle popstar del momento, di cui Vodafone ha comprato i diritti del popolarissimo brano “Chandelier” si vede ballare una giovanissina ragazza bionda, quasi personaggio di Blade Runner, flessuosa ed imprevedibile nei movimenti plastici. La ballerina è la teen ager Nicole Ziegler (ha solo 14 anni ed è nata a Pittsburgh) che adesso diventa testimonial di un marchio di abbigliamento per la danza: Capezio molto popolare tra i giovani americani.

Harwey Keitel

Torna sui media inglesi la divertente campagna per l’assicurazione online Direct Line. Il protagonista è sempre lui: Harwey Keitel nei panni di Winston Wolf, il protagonista di Pulp Fiction, che arrivava sul luogo del delitto per cancellare ogni traccia. Qui Mr Wolf arriva con la sua supercar rossa a casa di una signora, che ha subito una serie di danni tipo: telefonino fracassato, pelouche semi distrutto dal passaggio di un lontano cugino dello scatenato Roger Rabbit.

Coca Cola

Nella sua corsa quotidiana verso i media interattivi CocaCola ha creato a Times Square, New York, uno speciale poster nel sistema Clear Channel. Inviando un tweet con il proprio nome, dopo due minuti appare sul billboard una frase divertente che contiene il nome dell’utente che ha twittato. Come spiegano in azienda “si tratta di un’ importante innovazione capace di far convivere il mondo reale con quello digitale”.

Audiweb

Audiweb fotografa l’audience sul Web del mese di maggio e ne viene fuori un quadro che premia decisamente i collegamenti da mobile: 20,4 milioni di utenti unici di età compresa tra 18 e 74 anni si sono collegati alla Rete da smartphone e tablet con una media di 42 ore e 12 minuti spesi online. In generale, comprendendo anche i PC, si sono collegati a Internet 29,3 milioni di italiani dai due anni in su almeno una volta al mese con una media di 43 ore e 56 minuti per persona sul periodo di un mese.

 

Tutti i miei pezzi usciti su Repubblica A&F

 




There are no comments

Add yours