gabriele di matteo COD 2

Videogames arrivano le donne. In COD c’è la “rossa” Abby Brammell.

I videogames sono sempre più simili alle fiction cinematografiche e come tali devono rispettare delle regole, anche di genere. Il trend delle donne che entrano a far parte dei cast dei videogiochi best seller si rafforza, adesso, con la new-entry di una co-protagonista donna in COD Black Ops 3. Scelta provocatoria, approvata da un veterano della Disney, Nick van Dyk, oggi ai vertici di Activision Blizzard Studios, che di storytelling ne capisce parecchio.

E’ la prima volta nella storia del videogioco COD che viene introdotta una donna con cui si può interagire nelle varie avventure. Ma nel mondo dello showbusiness nulla accade per caso. Le ricerche dicono che il 44% dei giocatori è donna, quindi avere una interfaccia di genere migliora la relazione tra il popolo dei giocatori e il famoso titolo. Mentre 20 anni la percentuale di giocatrici si fermava al 5%.

L’attrice scelta come protagonista è Abby Brammell (foto sotto) una biondazza con poco cinema nel CV, tante tv series, nata nello stato del Kentucky ma cresciuta a San Antonio, Texas.




There are no comments

Add yours