gabriele di matteo header-bg-3

Scansione 3D alla colazione. Troppe calorie vade retro

Ci sono molti modi per misurare le calorie e i contenuti proteici dei cibi. Si può usare un barcode posto sul cibo da leggere con lo smartphone. Si possono ricevere le informazioni sul cibo, compresi allergeni e footprint, interagendo con la tecnologia Kinect interpretata da Accenture per il supermarket del futuro della Coop. Ma nessuno era arrivato finora a fornire un accessorio che, via smartphone, esegue la scansione 3D reale degli spaghetti o della chesecake per metterci addosso il senso di colpa delle “calorie in eccesso”. Lo scanner in questione è capace di leggere 9.000 diversi tipi di cibo. Il progetto è stato pubblicato su Indiegogo per raccogliere fondi utili a produrre lo scanner 3D, con un obiettivo di 50.000$ da raggiungere entro settembre. Le applicazioni per usare questo sistema di misurazione a scanner 3D sono per il mondo iOS, per quello Android e Windows Phone.




There are no comments

Add yours