Facebook-diventera-un-intelligenza-artificiale

Facebook: Lab a New York per neuroscienze ad uso del Marketing

Si chiamerà Center for Marketing Science Innovation e nasce nel cuore della Grande Mela, casa madre delle agenzie di pubblicità e dei centri media della Madison Avenue. La sede? E’ un ex locale notturno che potremmo aver visto in film come Goodfellas oggi completamente ristrutturata e pronta per il taglio nastro. Il mood che si respira dentro questo centro di sviluppo delle neuroscienze voluto da Mark Zuckerberg per fare occhiolino alle aziende inserzioniste è quello di uno “studio medico” commenta Daniel Slotwiner, il direttore Ricerche e Pubblicità del gigantesco social media prossimo al traguardo di due miliardi di iscritti.
mark-zuckerberg-jarvis
L’operazione che permetterà agli inserzionisti di creare un tipo di comunicazione finora inedita potrebbe essere affidato a terze parti. L’obiettivo principale è offrire agli inserzionisti un tipo di media (social) che non ha niente a che vedere con i media tradizionali. Qui i tecnici di Facebook aiuteranno aziende, centri media, agenzie, a capire meglio quale tipo di contenuti vengono meglio accettati e condivisi in Rete.

Le neuroscienze a supporto del marketing sono molto in voga. Sia WWP il gruppo inglese guidato da Sir Martin Sorrell con la sua agenzia LightReaction sia la Nielsen Usa stanno lavorando a progetti per supportare gli inserzionisti. L’obiettivo, non facile, è duplice. Da un lato non disperdere messaggi su masse di consumatori non interessati, l’altro è non creare disaffezione verso il mezzo con una pubblicità invasiva. La stessa che ha consigliato a milioni di utenti sia Android che iOS il blocco severo di ogni tipo di inserzione pubblicitaria.




There are no comments

Add yours