Gabriele DI MAtteo Hyperloop One

Hyperloop One punta a Dubai Expo 2020

Il test più recente di Hyperloop One il sogno che dà i brividi sia ai viaggiatori (1200 Km/h) sia agli investitori (privati e governi) che credono nel sogno di Elon Musk per scavalcare le code, è andato bene. Anche se passo dopo passo la felicità del magnete si attesta finora poco sopra i 300 Km/h.
 Il video che vi propongo  pubblicato 2 di Agosto dal team di lavoro ci mostra il successo di questo successivo step.

DUBAI 2020

L'obiettivo (non ancora certissimo) potrebbe essere quello di farlo esordire nell'Esposizione Universale di Dubai nel 2020. E quel punto l'accelerazione dei finanziamenti miliardari prenderebbe il volo.
 Si parla fin dall'inizio di collegare la città degli Angeli e del cinema (Los Angeles) con la capitale mondiale dell'industria IT (San Francisco) poi arrivati interessi concreti di Governi smart come Canada, Russsia, Svezia e Danimarca per collega le loro due capitali nel tempo di viaggio in tram. Anche l'area di Tolosa in Francia si muove con vari progetti praticabili.

ALTRO CHE PONTE SULLO STRETTO

Questa nuova visione dei trasporti ad altissima tecnologia spinta da Elon Musk e dai suoi soci cancella con un colpo di spugna ogni idea del "vecchio" trasporto. E dire che l'idea nacque quasi per caso durante una missione umanitaria a Cuba in una conversazione tra il visionario Elon Musk che crea Pay Pal (poi Tesla, Solar City, Space X) e l'imprenditore Shervin Pishevar un aggiornamento sull'idea di spostare veicoli ad alta velocità tramite tubi a bassa pressione.
 Ecco che tutti i progetti del passato (così anche le auto del passato petrolifero) diventano vecchi in un baleno. Ha ancora senso di parlare di tonnellate di cemento per collegare la Sicilia alla Calabria?



There are no comments

Add yours