Mods 1

Il cinema in tasca, un sogno da Lumiere

Mi metto a studiare questo Mods, l’Insta-Share Projector, che gli ingegneri di Lenovo, azienda che possiede Motorola, hanno concepito come un piccolo cinema da tenere in tasca. Vedo che ha una batteria autonoma ricaricabile che non va a “bruciare” quella dello smartphone, in questo caso un Motorola z2 Force. Leggo che la proiezione può essere estesa ad uno schermo di 70″ e comincio a gasarmi all’idea di proiettare sul soffitto bianco i trailer delle mie serie tv preferite. In questi mesi abbagliato da “Altered Carbon”, il prolungamento della vita, le tecniche di ibernazione, il thrilling, niente di noioso come un libro sullo stesso tema: ZERO K di Don De Lillo. Mentre studiavo le note tecniche di questo proiettore, i 50 lumen, un piccolo dissipatore integrato per evitare il surriscaldamento, mi è tornata in mente una cosa bellissima. Ero in visita in un Museo del Cinema, credo quello di Torino, anni fa, e mi troviamo a fare un’esperienza fantastica.

In questa sala c’erano dei materassi di gommapiuma, come dei tatami, e ci facevano stendere gli ospiti dicendo di guardare verso il soffitto in una sorta di proiezione immersiva molto emozionante. E quando ti trovi in camera d’albergo da solo e accendi la tv e va in onda la noia capisci il valore d’uso di un Mods come questo, che chiaramente potete usare anche per presentazioni di lavoro abbassando le luci di sala. Steso quindi nel mio letto, gli occhi fissi al soffitto, l’aletta sottile posizionata in modo da mandare il fascio di luce verso l’alto, Regolo il fuoco con la rondella che sta accanto all’obiettivo e vai! Eccomi nel sogno ad occhi aperti.




There are no comments

Add yours